Strumenti e servizi offerti

Oltre ai servizi assistenziali ed educativi di base, le “Tinaie” offre ai ragazzi diverse attività e laboratori che possono entrare a far parte, in modo differenziato, dei progetti educativi personalizzati concordati con i Servizi per ogni minore. Scopo di tali attività è promuovere la "cultura del fare", scoprire e valorizzare le attitudini dei ragazzi per poi inserirli in modo mirato in corsi e programmi esterni usufruendo delle risorse sul territorio.

Vengono proposte:

  • Attività agricole e di ortocoltura: il lavoro nei campi permette ai giovani di contenere le proprie tensioni interne sperimentando la fatica fisica. Inoltre li costringe a confrontarsi con i tempi e i ritmi della natura e ad imparare ad attendere.
  • Arte, musica e teatro: sono proposte diverse modalità di espressione artistica per facilitare i ragazzi nella comunicazione di vissuti che possono così venir accolti ed elaborati con l’aiuto di un esperto in materia.
  • Uscite in ambienti naturali: vengono organizzate gite ed escursioni in ambienti che permettono di riscoprire le ricchezze del luogo. E’ previsto talvolta il pernottamento in tende o rifugi. L’ambiente naturale funge da “terzo luogo” (L. Mingarelli, 2009) tra l’interno e l’esterno della comunità, dove è possibile osservare dinamiche individuali e gruppali che rimarrebbero altrimenti inesplorate.
  • Attività di studio: i ragazzi sono incentivati nel fare i compiti e nel rimanere il più possibile al passo con i coetanei rispetto all’iter scolastico o formativo nei riguardi di una professione.
  • Laboratori artigianali e di manutenzione: l’intento è quello di promuovere abilità manuali utili. Viene proposta la costruzione di oggetti che incontrano il gusto degli adolescenti.
  • Confronto con temi attuali e riscoperta di valori: l’idea è quella di accompagnare i giovani nello stare al passo con il mondo moderno con atteggiamento critico e personale. Spesso contesti familiari disagiati, quali quelli da cui molti di loro provengono, non offrono una guida di lettura degli eventi, degli usi e dei costumi; capita così che i ragazzi si ritrovano disorientati nel doverli affrontare da soli. L’intento è quello di riscoprire in loro valori etici affrontando temi quali l’amicizia, la fiducia, le droghe, gli atti vandalici e la legalità, la religione, la famiglia.
  • Educazione all’ecologia: grande attenzione viene data alla cura dell’ambiente con istruzione alla raccolta differenziata, ai possibili danni ambientali e al risparmio energetico. Nella gestione della casa viene mostrato nel concreto come sprecare ha ripercussioni sull’economia della comunità a discapito di tutti.
  • Occasioni sociali e ricreative: viene favorita la partecipazione ad iniziative sociali e culturali proposte dal comune e dalla parrocchia. Si cerca di coinvolgere persone esterne affinché accolgano i ragazzi facendoli sentire parte di una comunità più allargata.
  • Attività sportive: sono previste attività sportive amatoriali e di sfogo all’aperto. Le “Tinaie” disporrà a breve di un’ampia sala multifunzionale che i ragazzi potranno utilizzare per allenarsi e fare ginnastica da soli o in gruppi gestiti dagli operatori. Qualora desiderassero impegnarsi più seriamente in uno sport specifico sono previsti accompagnamenti all’esterno non appena ce ne sia la possibilità.
  • Gruppo intercultura: si vuole favorire nei ragazzi la conoscenza e l’accettazione dell’altro come diverso da sé, oltre che ampliare la loro visione del mondo. I giovani vengono coinvolti nell’illustrare agli altri usanze e credenze della propria cultura di origine (ad es. attraverso la presentazione di piatti tipici, l’ascolto di musica, la proposta di oggetti ed abiti che possono essere condivisi).
  • Educazione alla cura del corpo e alla sessualità: L’intento è quello di aiutare i ragazzi a valorizzare il corpo e ad utilizzarlo in modo propositivo. Sono previsti “laboratori di genere”, in cui vengono affrontate tematiche e svolte attività di interesse specifico di maschi o femmine per aiutare i ragazzi a riconoscersi in una propria identità. E’ pensato inoltre un confronto con i temi della sessualità spesso vissuta come priva di valore e di rischi.